Agli italiani il noleggio piace a lungo termine

di Gialuigi Torchiani

IL SOLE 24 ORE

Le famiglie possono rappresentare il target del futuro del noleggio auto a lungo termine. È quanto emerge dal rapporto «Osservatorio auto 2007" di Findomestic banca, che rivela come gli italiani siano un po' più disposti rispetto al passato a rinunciare alla proprietà del mezzo automobile in cambio di una spesa certa a fine mese. La formula del long term reting, sinora utilizzata esclusivamente dalle imprese, prevede infatti di norma un contratto di affitto della durata di 3 anni, comprensivo di tutte le spese di manutenzione e assicurazione, al termine del quale l'utente non ha però la possibilità di riscattare l'auto (come nel leasing) ma solo di firmare un nuovo impegno. Da un punto di vista aziendale si tratta di un segmento molto importante: nel 2006 in Italia il 48% delle immatricolazioni di auto aziendali avveniva tramite noleggio, e di questa fetta ben il 59% era a lungo termine, per un totale di circa 180mila vetture. Per i prossimi anni le attese di crescita sono soddisfacenti, ma banche e finanziarie si stanno convincendo della possibilità di proporre questa soluzione anche nel più vasto mercato privato, dove la penetrazione è oggi praticamente nulla. Secondo l'Osservatorio 2007 gli italiani non sembrano infatti contrari a priori al noleggio a lungo termine. Il 59% degli intervistati è a conoscenza dell'esistenza di questa formula, e circa il 31% manifesta una disponibilità di massima di fronte a un'ipotesi concreta di noleggio a lungo termine e un altro 6 % mostra un interesse più che convinto. L'ostacolo maggiore alla diffusione di questa soluzione sta però sicuramente nel prezzo: il campione è mediamente disposto a pagare un massimo di 271 euro mensili per un noleggio a lungo termine, una cifra per ora parecchio lontana dalle proposte attualmente in vigore per le auto aziendali (circa 375 euro per un auto con 1.400 di cilindrata). Per lo sviluppo del long term reting nel mercato familiare servono insomma proposte su misura, e anche l'appoggio della rete dei concessionari: la percentuale degli intervistati disposti a prendere in considerazione il noleggio a lungo termine sale al 56% se la proposta è avanzata direttamente dal concessionario di fiducia.